HomeUltimo minutoL’ombra dell’antitrust sull’addio di Zhang Yiming, il re di Tik Tok

L’ombra dell’antitrust sull’addio di Zhang Yiming, il re di Tik Tok

Le similitudini (e differenze) con la vicenda di Jack Ma

Sembra di sentire lo stesso andamento del ritiro dalla pensione di Jack Ma, nel 2018, un personaggio così popolare che, all’acme della carriera, decideva di cambiare vita e di dedicarsi all’insegnamento, peraltro il suo primo lavoro.

Ma le cose in Cina non stanno esattamente così. Anche Zhang Yiming, nonostante la proverbiale riservatezza sulla sua vita personale, è diventato negli anni il portabandiera della creatività imprenditoriale applicata, questa volta, ai social media e alla finanza tech. Originario del Fujian, una laurea alla Nankai di Tianjin. L’idea giusta, a un certo punto, mescolata alla crescita vorticosa dell’online cinese gli ha spalancato il mondo.

Ma le cose in Cina crescono e cambiano in fretta. ByteDance è entrata nel mirino della regolamentazione, e insieme agli altri big deve seguire le regole di Pechino. Non c’è popolarità che tenga, la legge è uguale per tutti.

Di Jack ma sappiamo come è finita. Non si sa molto, per la verità, perchè è sparito dalla scena pubblica. Entrato in urto con le autorità cinesi a poche ore dalla quotazione miliardaria di Ant Finanial a Shanghai e Hong Kong ha mantenuto le sue posizioni. Con il risultato di essere finito forse per sempre nel cono d’ombra del potere.

Per Zhang le cose possono mettersi in maniera diversa. Il quadro delle trasformazioni in corso è molto definito e lottare con questo nuovo corso sarà particolaremente difficile. Chi vorrebbe distruggere fama e patrimonio e sicurezza personale sull’altare di una leadership mantenuta a tutti i costi?

ARTICOLI CORRELATI
Continue to the category